DA LUCIA

Lando Fiorini, Gabriella Ferri, Armando Trovajoli sono solo alcuni nomi della grande canzone popolare Romana. Tutti raccontavano una Roma che non esiste più, una Roma diversa da quella di oggi, seppur faccia parte ancora del suo corredo genetico.Una Roma popolare che trovava la sua espressione più nitida nella vecchia Trastevere, oggi crocevia turistico e della movida, ieri la massima espressione della romanità “de sangue”, vera, autentica. 

Sono pochi i locali che hanno saputo nel tempo assistere e resistere a questa nuova vita del quartiere.

Sono pochi anche quelli in cui è ancora oggi possibile scoprire e gustare i sapori della vecchia cucina Romana, quella “de na vorta”.

Uno di questi è Trattoria da Lucia, in Vicolo del Mattonato, nel cuore del quartiere. La storia del ristorante è possibile ammirarla nelle pareti sulle quali sono esposte con molto orgoglio non solo le foto dei clienti celebri, ma delle vere e proprie testimonianze fotografiche della Trastevere che fu.

Impossibile non iniziare questo viaggio nella cucina romana con una coratella di quelle che lasciano senza fiato.

Sui primi l’indecisione la fa da padrona: i “classici” della tradizione ci sono tutti e tutti sono fatti secondo regola.

Amatriciana pazzesca, gricia incredibile e Carbonara oseremmo dire “vellutata”, “morbida”, visto che risulta leggera e digeribile pur essendo un tripudio di guanciale e pecorino romano.

Sui secondi, manco a dirlo, Coda, celebrazione sugosa dell’arte tutta romana del “quinto quarto”: semplicemente devastante.

Scarpetta obbligatoria.

 

Piatto TNT: Carbonara
Indirizzo: Vicolo del Mattonato 2, Roma

Prezzo: € - €€